La paella….a modo mio

Et voilà, il risultato è questo: una versione a modo mio della paella.

PAELLA

Ingredienti:

  • riso parboiled 500g
  • brodo filtrato di cozze e vongole 1,5l
  • cozze 1kg
  • vongole 1kg
  • scampi o gamberoni 12
  • 3 calamari o 5 moscardini piccoli
  • 4 spicchi di aglio
  • olio extra vergine di oliva
  • 2 bustine di zafferano
  • 12 bicchiere di vino bianco di buona qualità
  • 1 bicchiere di piselli freschi o in alternativa surgelati
  • 1 peperone rosso tagliato a cubetti piccoli
  • 1 pentola antiaderente dal bordo alto 4 cm circa con un diametro di 30-40 cm

Preparazione ingredienti

1. Mettere a bagno le vongole in acqua fredda e salata e lavarle 2 o 3 volte sotto l’acqua corrente nel corso di mezza giornata prima di farle aprire. Se non avete a disposizione questo tempo sciacquate le vongole sotto l’acqua corrente e poi fatele aprire. Vi raccomando di filtrare 2 volte il brodo e di passare una ad una tutte le vongole aperte per verificare che non ci sia sabbia, se cosi fosse, sciaquatele sotto l’acqua fredda (altrimenti si aprirebbero).

2. Lavate le cozze sotto acqua corrente fredda privandole del file e raschiate il guscio, dato che qualcuno verrà tenuto per la paella (i miei bimbi adorano mangiarla utilizzando i gusci come cucchiai). Io per scrupolo elimino le cozze che galleggiano in acqua e quelle rotte.  Una volta pulite lasciate le cozze in acqua fino al momento della cottura.

3. Prendete una pentola molto capiente con bordi alti e mettete un filo d’olio e due spicchi d’aglio in camicia. Accendete il gas a fuoco vivo ed unite cozze e vongole e 1/2 bicchiere di vino. Coprite ed ogni tanto agitate la pentola per distribuire il calore a tutti i molluschi, fino alla loro completa apertura. Una volta aperti spegnete il fuoco e lasciate intiepidire: trasferite i molluschi in un contenitore  (prelevateli uno alla volta e separate circa la metà dalle conghiglie) avendo cura di scolarli dal liquido di di cottura.

paella4

Filtrate quindi il liquido di cottura con un colino a maglie strette per ottenere quello che sarà il brodo della nostra paella. Se il liquido risultante non sarà 1,5 l aggiungete un pò d’acqua.

paella2

NB: Per diminuire i tempi di preparazione degli ingredienti, la cottura delle cozze e delle vongole e quindi il conseguente brodetto può essere preparato il giorno prima della vostra “paellata” e conservato in frigorifero in contenitori a chiusura ermetica.

4. Pulite e lavate i calamari (o moscardini) e tagliateli a pezzetti piccoli (circa 1 x 1 cm) e conservateli in un frigoverre se non li utilizzerete subito per la paella.

5. Pulite e lavate gli scampi privandoli del filo nero tramite una piccola incisione sul dorso e l’aiuto di una pinzetta.

paella3

Preparazione paella

Ed ora si parte con la paella. Prendiamo l’apposita pentola (io ne uso una acquistata all’Ikea che si è rivelata perfetta per la cottura), mettiamo un filo d’olio di oliva, due spicchi d’aglio privati dell’anima e tritati finemente, e facciamo rosolare, aggiungendo i calamari, per qualche minuto.

paella1

Se li volete utilizzare a questo punto aggiungete i piselli e dopo qualche minuto il riso parboiled distribuendolo su tutta al pentola: coprite a filo col brodo dei molluschi ed aggiungete le due bustine di zafferano.

paella6

Uno dei segreti di una buona paella sta nel cercare di non muoverla molto con un cucchiaio: cercate piuttosto di scuotere la pentola per far penetrare il brodo.

 A metà cottura (la paella è pronta, cucinata a fuoco lento, in circa 30 minuti) aggiungete i molluschi, ed il peperone, ed agitate la pentola per farli mantecare nel riso. Se a questo punto la paella vi sembra troppo asciutta ed indietro di cottura aggiungete ancora un pò di brodo.

A 5 minuti dalla fine aggiungete gli scampi e disponeteli a raggiera.

paella11

La paella è pronta quando il riso si stacca dai bordi.

paella12

Lasciate riposare qualche minuto prima di servire.

paella13

Servite in tavola, ovviamente portando direttamente al padella.

paella14

Buon appetito.

Author: viverepe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*