Pale di San Martino

Malga Juribello: la terrazza delle Pale

Una vista meravigliosa dalla Juribello

La malga Juribello è stata una scoperta relativamente recente: un amico mi ha raccontato di un posto incantevole dove si mangiava pure bene quindi…
La malga si trova su di un pianoro a circa 1700 m, poco sotto il passo Rolle.

Come arrivare
Alla Juribello si può arrivare da quattro diverse vie.
Partendo dalla statale che da Predazzo porta al passo Rolle, superato il bivio per il passo Valles si prosegue per il Rolle ed all’altezza del secondo tornante sulla destra si può posteggiare la macchina: proprio sul tornante parte una strada forestale, con sbarra, che attraversa il bosco per circa un chilometro. Usciti dal bosco si prosegue in salita per circa un altro chilometro (strada sterrata con sassi) fino alla malga.
Se invece si parte da Pian dei Casoni, primo posteggio della Val Venegia, si segue il sentiero in direzione Paneveggio per poi iniziare una salita che costeggia un piccolo torrente: il sentiero è poco tracciato ma facile da seguire. Dopo circa una mezz’ora si imbocca una strada forestale che sale per poi congiungersi alla strada che arriva dalla statale, vista al punto precedente. Se si vuol rendere la passeggiata più “avventurosa” si può passare per i pascoli ma in questo caso…..attenti ai ricordi lasciati dalle mucche…
Per tornare alla macchina lasciata a Pian dei Casoni senza fare la medesima strada dell’andata, dalla malga si prosegue sulla strada salendo vesto il Castellazzo, ed al primo bivio, dopo circa venti minuti, si tiene la sinistra seguendo le indicazioni del sentiero. Per circa dieci minuti si passeggia nei pascoli fino a rientrare nel bosco: è l’inizio di un sentiero stretto che scende rapidamente verso il Travignolo, il torrente che nasce e scorre in Val Venegia (il sentiero è bello ripido ma lo scorso anno lo hanno fatto anche Filippo e Sofia, quindi è sufficiente solo un pò di cautela). Arrivati al torrente lo si attraversa tramite un ponticello di legno e si raggiunge la forestale che ci riporta a Pian dei Casoni.
Partendo invece dal Rolle prendiamo la strada che porta alla Segantini ma dopo il primo tratto in salita si prosegue dritto fino a raggiungere la strada citata nel percorso precedente.

La malga
La malga, composta da due edifici, si trova su di un pianoro che domina l’alta Val di Fiemme. È aperta da giugno a settembre ed è utilizzata come fattoria didattica dalla Magnifica Comunità di Fiemme. È una della poche malghe che possono caseare, quindi una volta a settimana giovani e non possono cimentarsi nella mungitura e nella preparazione di caciotte varie (particolarmente interessante un’offerta in cui i ragazzi possono pernottare alla malga e, con sveglia alle 4, provare la vita dei pastori). Essendoci parecchi animali il posto è adatto anche per i bambini che scovando caprette e maiali dimenticano in fretta la fatica della salita.
Riguardo alla cucina che dire: fenomenale! Basti solo pensare che come aperitivo solitamente si mangia un tagliere di salumi misti accompagnato da un bicchiere di latte fresco (e questo giuro è fresco davvero..).
Quando abbiamo mangiato lì ci siamo sempre trovati bene ma se devo consigliare qualche piatto direi i canederli, la tosela, la grigliata mista, il tagliere di salumi e sua maestà la panna cotta, che qui è veramente eccezionale. Ma non preoccupatevi: qualsiasi cosa sceglierete nel menù….cascherete in piedi…
Se poi quello che avete mangiato vi è particolarmente piaciuto c’è anche un piccolo spaccio dove si possono acquistare salumi e formaggi.
La location è ideale anche per far qualche foto panoramica,, quindi meta ideale per una bella scampagnata in montagna non eccessivamente faticosa.
Ps: se vi muovete nel week end è meglio prenotare per non dover attendere troppo, specialmente se volete mangiare al chiuso, visto nella malga ci sono circa 30 posti.

Author: viverepe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*